389 671 46 77 366 458 42 96 info@sognodoriente.it


NURIA SALA GRAU

nouriaNURIA SALA GRAU ha scelto le modalità del dialogo e del confronto di tradizioni e media differenti per sviluppare in modo originale e personale il linguaggio della danza. Danzatrice e coreografa, Nuria nasce a Barcellona, Spagna. Studia a Losanna, Svizzera le tecniche di danza moderna Graham e Limon. Continua la sua formazione nella danza classica e contemporanea in Francia, a Lione e Parigi, qui entra a far parte della Compagnia di danza “Cecil P. Booth”, diretta da Chantal De Launay. Nel 1988 inizia lo studio del teatro-danza Bharatanatyam con Savitry Nair. Si specializza in questo stile a Chennai, India con Krishnaveni Lakshmanan, direttrice artistica dell’Accademia Kalakshetra. Studia musica Carnatica e Nattuvanar -solfeggio ritmico- con Kamala Rani. Continua studiando con eccellenti maestri e artisti come, C.K. Bala Gopalan, Priyadharshini Govind e Leela Samson, suo principale mentore ad oggi. Parallelamente l’approfondimento della danza contemporanea con i maestri Dominique e Françoise Dupuy dona nuovi strumenti al suo lavoro creativo. Nuria Sala è laureata in Psicoterapia Umanista presso l’Istituto di Psicoterapia Umanista di Barcellona, formata come “Danzaeducatore” al I° Corso Nazionale in Italia. Ha insegnato danza per più di vent’anni a studenti di tutte le età e provenienze. Dal 2007 è Docente di Teatro-Danza Indiano Bharatanatyam al Conservatorio di Musica “A.Pedrollo” di Vicenza.

Teatri e Festival: Teatro dal Verme, Milan; P.A.C. (Contemporary Art Pavilion), Milan, Teatro Nuovo, Verona; Teatro Rossini, Pesaro; Teatro Metropolitano, Catania; SUQ Festival delle Culture, Genoa; Festival della Scienza, Genoa; Kalamandir Theatre and Padatik Theatre a Kolkata (India); Kalachaya Hall, Poone (India); Shiva Temple “Marundishwera”, Chennai (India); International Festival of Music, Dartington (UK); Festival International de Sousse, Sidi Eddaher Theatre, (Tunisia); Houdetsi Festival, Crete (Greece); Casa Asia, Barcellona (Spain); Theater Almàssy Téri Budapest (Hungary); University of Budapest; Festival "Canti dei Cieli Lontani", Venezia; Festival di "Musica Antica” Lago D' Orta, (Italy), “Etno Festival” a San Marino, Festival Internazionale di Musica Sacra a Pordenone, Festival “Adda Danza”, Festival Internazionale "E' Vento Suono”, Teatro S. Giorgio, Udine, Festival "Il Sacro attraverso l'Ordinario" Al Chiostro S. Filippo Torino; Festival “Arreu i per Tothom”, Cadaques (Spagna)… E molti altri festival e teatri in Europa e all'estero.

Collaborazioni: Amelia Cuni, Federico Sanesi, Madhuri Chattopadhyay, Brigitte Revelli, Chantal de Launay, Ghislaine de Montaudouin, Giuliana di Benardo, Maresa Moglia, Stephen James, Sandip Mallick, Gianni Ricchizzi, Savitry Jaganat Rao, Flavia Bucciero, Ujwal Mukund Bole, Cristina Negro, Fausta Squatriti, Neela Bhagwat, Augusto Modigliani, Mirella Costa, Paolino Dalla Porta, Marilia Albanese, Melina Mulas, Astad Deboo, Barbara Friedrich, Luca Scarzela, Carla Sanguineti,Vicenzo Zitello, Francesca Cassio, Germana Giannini, La Fonte Musica

 

Fotografia di: Melina Mulas

Stage con Nuria Sala Grau

Domenica 17 aprile dalle 18.00 alle 20.00

BHARATANATYAM

TEATRO-DANZA CLASSICO DEL SUD INDIA

"Dove vanno le mani, lo sguardo le segue,
dove va lo sguardo, si dirige lo spirito,
dove si posa lo spirito, si manifesta uno stato d'animo,
dove si intensifica lo stato d'animo nasce la gioia"

Il Teatro-Danza "Bharatanatyam " è uno dei gioielli della cultura Indiana. Momento di trasporto oltre i tempi, attraverso racconti danzati dove il ritmo, i gesti e la teatralità sono un universo vibrante in divenire.
Questa danza millenaria fonda le sue origini nella filosofia Samkhya e nei rituali dei Templi Hindu del sud dell'India, sviluppandosi attraverso i secoli in una raffinata disciplina.
Nella rappresentazione scenica indiana i testi poetici attingono al repertorio mitico che narra le gesta degli Dei. L'intenzione del suo linguaggio simbolico è d'inoltrarsi nei diversi stati d'animo facendo partecipe sia l'interprete che lo spettatore.
La geometria delle linee, la velocità e la ricchezza ritmica s'intrecciano all'elaborato linguaggio delle mani e alla raffinata mimica del volto. In questa cultura il dialogo tra danza, musica, canto e poesia ci rivela uno spazio-tempo dove i linguaggi dell'arte continuano a vivere e a commuovere.

Lo stage è aperto a chi già conosce il Bharatanatyam e a chi vuole iniziare o avvicinarsi a una nuova tecnica di teatro-danza.
Si prevede un solo livello e si lavorerà con i seguenti elementi:

- ADAVU base tecnica della danza
- MUDRA gesti delle mani
- SOLLUKUTTU linguaggio delle sillabe mnemoniche
- ABHINAYA
- COREOGRAFIA
- TEORIA

ISCRIVITI SUBITO