389 671 46 77 366 458 42 96 info@sognodoriente.it


Lisa Pellegrini

lisa chakkarIntraprende il percorso artistico dopo una ricerca tra Yoga e meditazione, che inizia giovanissima. Incontra e studia con maestri di calibro internazionale in Italia e Argentina, dal teatro popolare al clown, dalla danza contemporanea alla danza Butoh, per approdare a ciò che considera come l'unione perfetta tra ritmo ed espressione: la danza classica indiana. Studia due anni Bharatanatyam con il maestro Ujwal Bhole, poi passa, dedicandosi completamente, alla danza Kathak, che studia da ormai dieci anni sotto l'abile guida di Guruji Pradipta Niyogi di Calcutta.      In questi anni incontra e studia con i maggiori esponenti di quest'antica arte, tra cui Biriju Maharaji e Saswati Sen, Sharmila Sharma e Anurekha Ghosh. Da alcuni anni Lisa si esibisce in Italia e India in vari Festival e teatri sia sola con il suo spettacolo "Kathak solo: danza e leggenda" che con la troupe indiana Sahana di cui fa parte.

Il kathak nasce più di 2000 anni fa, nell' India del Nord. I Kathakas erano i menestrelli nomadi e i poeti che viaggiavano di villaggio in villaggio portando le storie e i messaggi della mitologia e delle antiche scritture, attraverso canzoni e danza. Queste leggende derivano dai grandi testi epici Mahabharata e Ramayana e dal Purana. Durante il periodo Medievale, il Kathak viene portato all' interno delle corti regali dal popolo Moghul e diventa una forma di intrattenimento, e acquisisce grazia ed enfasi attraverso la parte ritmica. I costumi diventano più elaborati e i danzatori indossano preziosi gioielli. In questo periodo si sviluppa il Kathak come arte teatrale che mescola la potenza dei passi e delle piroette, i sottili e delicati movimenti delle mani e le intricate storie mimate. Questa è l' unica danza classica che mescola due culture: quella Hindù e quella Musulmana. Nel XIX secolo il Re dei Moghul Wajid Ali Shah porta un grande arricchimento tecnico ed espressivo al Kathak. Il Kathak è formato da una parte tecnica ed una espressiva. La parte tecnica si basa sui bole, sillabe ritmiche astratte, eseguite con perfetti movimenti del corpo. Nella parte espressiva si raccontano storie dei poemi epici Hindù, attraverso l' uso dei mudra (gesti codifcati delle mani) edell 'espressione. Il danzatore indossa grandi cavigliere chiamate Ghungroo, che sono considerate parte del danzatore stesso, attraverso il suono che producono il pubblico può seguire meglio il ritmo. Si dice che quando Krishna, la divinità dal corpo blu infnitamente bella, cattura il serpente Kalyia e danza sopra la sua testa, con i suoi campanelli produce il suono : "ta thei tat", le sillabe ritmiche del Kathak.

sito internet: http://lisapellegrini.it

 

STAGE CON LISA PELLEGRINI

Sabato 16 aprile dalle 15.30 alle 17.30

Domenica 17 aprile dalle 10.30 alle 12.30

DANZA INDIANA STILE KATHAK

Livello: unico

La danza classica indiana è detta anche Yoga in movimento per la precisa simmetria delle posture e per l' utilizzo di tutte le parti del corpo, compresi occhi e mani. Apporta benefici profondi sia fisici che mentali e dona serenità e vigore a chi la pratica. Il workshop è rivolto a tutti, non si richiede nessun tipo di esperienza. Temi trattati: -Tatkar: letteralmente “footwork”passi base e relative sillabe ritmiche -Bole: prime composizioni della danza e recitazione delle sillabe ritmiche -Namaskari: saluto nella danza e suo significato -Mudra: gesti codificati delle mani, loro utilizzo e significato -Chakkar: giri -Guru slokam: coreografia di danza di saluto al Maestro e alle divinità, con musica.

ISCRIVITI SUBITO